Classic Club Italia - Sezione Lancia
GALLERIA IMMAGINI


Com’č nato il libro Lancia and De Virgilio At the Centre

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Com’è nato il libro Lancia and De Virgilio At the Centre

30/07/14

Nell'estate del 2006 mi metto in contatto con Geoffrey Goldberg un appassionato americano di Lancia che ha un sito dedicato al restauro della sua Aurelia B20. Nella corrispondenza con Geoff accenno all'archivio di documenti relativi al lavoro in Lancia di Francesco De Virgilio che mio fratello Luigi conserva nella nostra casa di Torino: ipotizzo l'idea di scrivere un libro sul lavoro dell'ing. De Virgilio in Lancia.

Nella primavera 2007 Geoff è a Torino e prende visione della documentazione: a suo parere c’è materiale sufficiente per il progetto del libro. Nel dicembre 2008 ci manda una bozza composta da sole foto e documenti senza testo.

Questa bozza sarà utile per sondare con diversi amici l'idea del libro e, tra questi vengono contattati Michele Pellegrini, Pierluigi Tomasi e Claudio Saccomandi del Lancia Classic Team e Marco Tullio Giordana: inutile dire che la proposta viene calorosamente sostenuta da tutte le persone contattate. Da allora cominceranno a chiederci: quando sarà pronto il libro?

Il libro è finalmente pronto dopo circa sette anni di lavoro e ricerche che l'hanno trasformato da una semplice presentazione di documenti, foto e disegni a una storia del lavoro, delle idee e della vita di Francesco De Virgilio profondamente connessa con la storia della Lancia e, in parte della Famiglia Lancia, in quanto nel 1949 Francesco sposò Rita Lancia nipote di Vincenzo.

Da qui il titolo "Lancia e De Virgilio Al Centro".

Geoff lo descrive così:

E’ l'unico libro di storia dell’automobile che inizia con un matrimonio ... e finisce con informazioni tecniche, con la vita e tutto quanto vi ruota intorno. Questa visione a 360 gradi è stata generata dal fatto che sia Luigi che io abbiamo riconosciuto subito che Francesco, seppur importante, non è stato così famoso da meritare una biografia solo a lui dedicata. Mentre altri amici suggerivano di scrivere un racconto cronologico dei fatti, sia Luigi che io abbiamo pensato che sarebbe stata una narrazione confusa e anche incompleta. La cosa più importante, e in definitiva più interessante, è stato quella di cercare di catturare lo spirito dei tempi, le questioni più pressanti e le ambiguità e i cambiamenti che si sono verificati in Francesco De Virgilio, i familiari, la società e le persone che lavoravano alla Lancia. Speriamo di esserci riusciti.

Secondo Luigi il libro:

prima di tutto doveva essere quanto più possibile diverso dai molti già pubblicati sulla storia della casa e le auto prodotte.

Si è cercato quindi di presentare al lettore informazioni, documenti ed immagini inediti o poco conosciuti. Gli avvenimenti già noti sono stati attentamente analizzati con l'ausilio delle informazioni contenute nell'archivio che, in alcuni casi, ne hanno consentito una migliore comprensione.

Nella stesura del libro Geoff ha ricoperto il ruolo di autore (indipendente dalla famiglia di Francesco) e Luigi quello di revisore di dati e informazioni anche grazie alla sua posizione di portatore di memorie e conoscenze dirette dell’archivio, di papà Francesco e dei famigliari Lancia.

“Prima di tutto io ho raccontato la storia, fornito i documenti ed aiutato a darne l'interpretazione che ritenevo più corretta. Nella fase finale ho collaborato alle innumerevoli verifiche volte ad eliminare possibili errori”.

Il libro è stato finanziato grazie a una donazione del Revs Institute della Fondazione americana Collier e pubblicato dall’editore David Bull.

Pensiamo che il lavoro svolto metta a disposizione di tutti gli interessati alla storia della Lancia e dello sviluppo dell’ingegneria automobilistica un libro che cristallizza e ordina memorie che sarebbero andate perdute con il tempo e documenti che sarebbero rimasti amorevolmente custoditi in una scrivania per gli anni a venire.

Luigi & Giovanni  De Virgilio e Geoffrey Goldberg